Riaccendiamo le stelle

Il planetario del liceo

Latina si mobilita per contrastare l’inquinamento luminoso

A cura di Carlo Capodilupo, Roberta Giorgi, Rita Macrì.

M’illumino di Meno, l’iniziativa nazionale promossa da Caterpillar mirata al risparmio energetico e alla riduzione dell’inquinamento luminoso, è stata celebrata a Latina il 23 e il 24 febbraio sotto l’egida del Comune di Latina e dell’Associazione Pontina d’Astronomia (APA-lan).

Il convegno in aula magnaLe attività sono iniziate Giovedì 23 febbraio con il corso inquinamento luminoso e risparmio energetico: L.R. 23/2000 e Reg.Att. 08/2005 dedicato all’aggiornamento e sensibilizzazione dei tecnici comunali nonché della Polizia Municipale. Il Sindaco di Latina Dott. Damiano Coletta e l’Assessore all’Ambiente Roberto Lessio hanno dimostrato la spiccata sensibilità alle problematiche ambientali della nuova Amministrazione Comunale. Il presidente dell’Unione Astrofili Italiani avv. Mario Di Sora ha tenuto una Lectio Magistralis sull’inquinamento luminoso che ha coinvolto e certamente convinto tutto l’uditorio ad affermare che: l’inquinamento luminoso è un inquinamento come tutti gli altri, in quanto tale va limitato e contrastato. Il Comune di Latina effettuerà a breve il passaggio dalliilluminazione al sodio all’illuminazione a LED tenendo conto di tutte le prescrizioni tecniche presenti nella normativa regionale che è stata ampiamente spiegata, in questa occasione, dall’ing. Alessandra Cappelli in rappresentanza dell’ARPA Lazio. L’incontro si è concluso con una prova di grande collaborazione tra la Polizia Municipale e le associazioni di astrofili. Infatti, il protocollo d’intesa firmato tra il Comando di Polizia Locale del Comune di Frosinone e l’Osservatorio Astronomico di Campo Catino ha permesso di effettuare centinaia di controlli sul territorio ciociaro, quindi di limitare e contrastare in modo efficace l’utilizzo di impianti di illuminazione esterna non a norma. Si spera che anche comuni limitrofi, nonché proprio il Comune di Latina, possa prendere questo esempio positivo e riproporlo anche sul proprio territorio.
L’intensa giornata del 24 febbraio ha avuto inizio la mattina all’interno del liceo scientifico G.B. Grassi con la partecipazione attiva degli studenti che hanno sensibilizzato sull’argomento coetanei di altre scuole, partecipanti al progetto Eco-Schools, attraverso conferenze e spettacoli al planetario Livio Gratton; studenti del liceo Grassi che nel corso dell’anno hanno preso parte al progetto di Alternanza Scuola-Lavoro … indi uscimmo a riveder le stelle … supervisionato dall’APA-lan.

Dalle ore 9 alle ore 13 le scuole hanno seguito dei veri e propri percorsi che prevedevano come prima tappa uno spettacolo dimostrativo al planetario per far apprezzare la bellezza di un cielo pulito e non inquinato dall’uomo.  Terminato il tour stellare nel planetario l’argomento è stato poi approfondito nel corso delle conferenze in aula magna. Le condizioni meteo non ottimali hanno purtroppo impedito l’uso dei telescopi, comunque presenti, per l’osservazione del Sole e della bellissima fase di Venere.

M’illumino di Meno è stato un successo sotto ogni punto di vista ponendo l’accento su un problema tanto trascurato quanto importante, coinvolgendo l’interesse degli studenti a tal punto da vederli scendere la sera nella piazza principale di Latina a seguito di uno spegnimento simbolico delle sue principali luci. Nonostante il cattivo tempo, gli studenti del ITC Vittorio Veneto-Salvemini e del Liceo Artistico hanno intrattenuto la folla, tra cui anche il Sindaco ed altre autorità locali, con un breve ma intenso flashmob. Presenza importante e constante, in tutte le attività presentate, quella dell’ing. Luciana D’Ascanio, Energy Manager del Comune di Latina, ideatrice e forte sostenitrice dell’iniziativa sin dalla sua nascita.

Attività, quindi, che ha visto la partecipazione di bambini, studenti ed enti comunali. Uno scambio di idee e conoscenze che ha contribuito senza dubbio al successo di questa giornata, dimostrando ancora una volta che il cambiamento avviene dove c’è cultura e quando questo coinvolge tutti.