Notte europea della ricerca 2021

Notte europea della ricerca 21

L’ultimo venerdì di settembre si celebra in tutta Europa la Notte europea dei ricercatori. In quel giorno centinaia di università e centri di ricerca aprono le porte ai cittadini per un’occasione unica di incontro con chi lavora quotidianamente nella ricerca in un contesto che per scelta è informale, stimolante e rilassante allo stesso tempo.

Dopo il lungo periodo di emergenza pandemica, quest’anno il nostro liceo era di nuovo invitato a contribuire all’evento organizzato per questa occasione da Scienza insieme NET ma le difficoltà legate agli eventi e al controllo del Green Pass hanno spinto gli organizzatori ad annullare le attività di cui sarebbero stati protagonisti i nostri ragazzi e ragazze. Senza farci scoraggiare e con il sostegno del nuovo dirigente, abbiamo pensato di proporre le stesse attività agli studenti e alle studentesse del Grassi, celebrando a modo nostro la Notte della ricerca (che per noi, in verità, è stato un pomeriggio).

Un gruppo impegnato nell’arduo compito di salvare il mondo da una serie di epidemie (tema quanto mai attuale). Si tratta di Pandemia, la cura un gioco da tavolo cooperativo che chiede ai partecipanti di collaborare per un obiettivo comune.

In queste poche ore i partecipanti hanno potuto …

Vestire i panni di un ricercatore per esplorare l’infinito panorama della fisica, tentare di debellare un’epidemia che sta flagellando il pianeta cercando la cura migliore, programmare l’uso di risorse e progettare la produzione di energia per soddisfare le esigenze del paese attraverso uno sviluppo sostenibile, correre per vincere una gara quantistica …

Ragazzi e ragazze del liceo matematico hanno proposto giochi da tavolo dal sapore scientifico o i laboratori che sono parte integrante del loro percorso di studi, affrontando problemi come la distribuzione della ricchezza e la misura delle diseguaglianze, cercando di decifrare il codice di una macchina Enigma o ri-scoprendo un teorema che nel ‘700 diede l’avvio alla topologia (una branca della matematica tra le più feconde come risultati).

Il laboratorio di crittografia incentrato sulla replica di una macchina Enigma (utilizzata dalla Germania nella II guerra mondiale per proteggere le proprie comunicazioni e resa celebre dal cinema) progettata e realizzata a scuola con carta, colla e forbici: perfettamente funzionante nella sua semplicità!

Studenti e studentesse che hanno organizzato in piena autonomia le attività sono stati professionali, gentili, prestando particolare cura al coinvolgimento dei partecipanti e molto precisi nel guidare i laboratori senza suggerire soluzioni o strategie ma intervenendo con tempismo in caso di difficoltà. Davvero bravi!

Questo evento, nato quasi per caso, progettato e organizzato in pochi giorni, potrebbe diventare un appuntamento regolare, un modo per avvicinare ragazzi e ragazze alla scienza in modo ludico e informale, proprio come recita il documento che istituisce la Notte della ricerca.