Il Liceo Grassi e il Liceo Cutelli insieme al Parlamento Europeo!

… Varcare la soglia del Parlamento Europeo, camminare tra quei corridoi sentendosi parte di qualcosa di più grande: spagnoli, francesi ed italiani come noi… non avremmo mai pensato di arrivare fin qui! Eppure eccoci, nei panni di coloro che tengono le redini delle dodici stelle della nostra cara Europa.

Sarebbe riduttivo definirla una bella esperienza, perché è molto di più. Smarrimento, ansia ed un pizzico di paura ma allo stesso tempo gioia, soddisfazione ed orgoglio sono solo alcuni ingredienti del cocktail di emozioni provate oggi…

Che altro aggiungere… e questo è solo l’inizio.

Il 4 settembre ha preso avvio il progetto che vede due delegazioni di studenti provenienti dal Liceo Scientifico G.B.Grassi di Latina e dal Liceo Classico M.Cutelli di Catania impegnati a Bruxelles per tre settimane.

Grazie ai fondi europei ottenuti attraverso il PON-ASL 10.2.5.B-FSEPON-LA-2017-14 Giovani e Clima in Europa, 15 studenti per ciascuna scuola sono impegnati nella simulazione delle attività del Parlamento Europeo in qualità di MEPs (Members of European Parliament) rappresentando posizioni politiche a volte molto diverse dalle proprie. Gli studenti si confrontano con le varie istituzioni europee analizzandone i meccanismi di funzionamento e acquisendone le procedure durante le sessioni di simulazione.

Attraverso le simulazioni, gli studenti si confrontano sui temi dei cambiamenti climatici e sugli stili di vita degli adolescenti, presentando le loro idee e le loro proposte, facendo mozioni e giungendo infine ad una risoluzione. Attraverso il dibattito hanno l’opportunità di confrontarsi con opinioni diverse, idee nuove, e negoziazioni; imparano a lavorare insieme per raggiungere un obiettivo comune. Attraverso i discorsi che tengono, superano il limite della timidezza e si mettono in gioco parlando davanti ad una platea, dando valore alle loro idee e calandosi nei panni di un vero e proprio parlamentare europeo (tutto questo in lingua inglese!).

L’esperienza mira a mostrare agli studenti il vivo dell’Europa, delle sue istituzioni e della sua organizzazione. Durante questo viaggio hanno modo di immedesimarsi nel contesto europeo e sviluppare così una coscienza di cittadinanza europea attiva e consapevole.

Queste sono a caldo le loro prime impressioni:

…sorprendente, emozionante e proficua è la descrizione di questa giornata che ha trasformato dei ragazzi in parlamentari che hanno in mano il futuro del mondo…

…è stato interessante adattarsi e mettersi nei panni di persone con visioni differenti dalla mia e farsene portavoce…mi sono divertita molto a difendere le mie idee e a portarle avanti. Mi sento soddisfatta e non vedo l’ora di riprovare queste emozioni…

…esperienza inimitabile…

…Nonostante la complessità del progetto, l’impegno e la dedizione necessari a portarlo avanti, grazie all’aiuto dei tutor e alla collaborazione tra di noi siamo riusciti a trarre il meglio da questa simulazione…

E siamo solo al secondo giorno …

Young G7

Il G7 delle scuole

A cura di Cinzia Gravina

Il Grassi ospita YounG7 Regional Edition, la cerimonia inaugurale di si terrà lunedì 13 Novembre 2017 alle ore 16:30 presso l’aula magna liceo Scientifico G.B. Grassi di Latina

Young G7

In virtù del premio Best School per le competenze e la preparazione dei nostri studenti al YounG7 di Catania, l’edizione regionale si terrà presso il nostro liceo il 13- 14 e 15 Novembre 2017 con la partecipazione di 17 istituti superiori nazionali. 68 studenti delle scuole partecipanti si confronteranno in lingua inglese sui principali temi in agenda al G7: Management of Human Mobility, Prevention of Terrorism, Food Security and Nutrition, Women and Girls Economic Empowerment.

Il viaggio di Alice

Alice’s journey

A cura della professoressa Giulia Di Napoli.

Domenica 9 aprile, 18.30.

Alice è in viaggio alla ricerca della propria identità e la curiosità sarà la spinta che la porterà ad avventurarsi in situazioni talvolta  rischiose.

Nella nostra storia Alice, una ragazza di 16 anni, incontra vari personaggi. La barbona che vive su una panchina, utilizzando un linguaggio apparentemente insensato, riflette sulla realtà degradata del nostro ambiente e ci sfida a trovare soluzioni. Lo scienziato matto parla del tempo e dell’inutile tentativo di controllarlo. Il tossico per paura di affrontare la vita cerca una risposta artificiale al proprio disagio e sofferenza.

Continuando il suo viaggio Alice è testimone di amori violenti, di dipendenze patologiche dal gioco, di accoglienza e rifiuto dell’altro, del diverso, del fragile e decide, alla fine, di affrontare la realtà in modo libero e indipendente, senza pregiudizi.