Liceo matematico: esito prova di ingresso

Di seguito l’elenco delle studentesse e degli studenti ammessi alla classe del liceo matematico (che ricordiamo è la 1°H).

Nella tabella la prima colonna riporta la posizione nella graduatoria e la seconda il punteggio ottenuto nella prova di questa mattina.

# Punteggio Nome Cognome
11 108 / 144 Antonio Boscaro
5 108 / 144 Carlo Chillemi
26 88 / 144 Sofia Colucci
7 108 / 144 Paola D’Angelo Cicchini
28 84 / 144 Emanuele De Angelis
9 108 / 144 Alessio De Cesare
6 108 / 144 Silvia De Nardis
18 96 / 144 Mia Galante
27 84 / 144 Delfo Galante
14 104 / 144 Andrea Gardella
16 100 / 144 Chiara Gatto
24 88 / 144 Matteo Giancristofaro
2 112 / 144 Stefano Manauzzi
22 92 / 144 Alessandra Mancini
13 104 / 144 Melissa Mastroianni
25 88 / 144 Gabriele Milani
17 100 / 144 Riccardo Pacchiarotti
29 84 / 144 Gabriele Paggiossi
19 96 / 144 Lorenzo Pazienza
8 108 / 144 Krystal Perna
30 84 / 144 Luca Pontesilli
21 96 / 144 Alessandro Quadrini
23 92 / 144 Valerio Raffaele
4 112 / 144 Beatrice Rizzuto
10 108 / 144 Nicole Rufo
12 108 / 144 Francesco Scaldarella
20 96 / 144 Lavinia Soldera
3 112 / 144 Martina Torre
1 132 / 144 Matteo Uccellini
15 100 / 144 Siria Zoratto

Liceo matematico: prova di ingresso 2019/5 – aggiornamento!

La prova di ingresso per il liceo matematico si terrà lunedì 9 settembre prossimo (e non mercoledì 4 come comunicato in precedenza) alle ore 10.00. Ragazzi e ragazze devono presentarsi presso l’ingresso dell’istituto entro le 9.45 dello stesso giorno.

Ricordiamo che la prova si svolgerà in due (dei tre) laboratori di informatica della scuola su personal computer (un pc per studente) e la valutazione (non la posizione in graduatoria) del singolo candidato sarà visibile appena terminata la prova stessa.

  • Nel laboratorio di informatica del primo piano svolgeranno la prova studenti e studentesse il cui cognome, in ordine alfabetico, è compreso tra BattagliaMastroianni.
  • Nel laboratorio di informatica del secondo piano svolgeranno la prova alunni e alunne il cui cognome, in ordine alfabetico, va da Mele in poi.

Per facilitare la familiarità con il sistema scelto per la somministrazione (l’applicazione usata è Moduli Google) la scuola ha preparato un facsimile della prova di ingresso e ha messo a disposizione la prova dello scorso anno.

Le competenze che si richiedono e che saranno oggetto della prova sono descritte qui.

Liceo matematico: prova di ingresso 2019/3

Seguendo questo collegamento è possibile accedere alla prova di ingresso per il liceo matematico proposta a studenti e studentesse lo scorso anno scolastico (quindi a settembre 2018).

Al termine della prova, che si può anche ripetere più volte, è possibile visualizzare il punteggio realizzato, la correzione di ogni singolo quesito e le risposte corrette ai quesiti a cui non si è risposto nel modo giusto.

Buon lavoro!

Liceo matematico: prova di ingresso 2019/2

La prova di ingresso al liceo matematico privilegerà soprattutto la risoluzione di problemi intesi … come questioni autentiche e significative e non solo esercizi a carattere ripetitivo o quesiti ai quali si possa rispondere semplicemente ricordando una definizione o una regola … senza però trascurare … la capacità di matematizzazione, formalizzazione e generalizzazione … (Indicazioni nazionali per il curriculo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione, settembre 2012).

In sostanza si richiederà allo studente:

  • di analizzare alcune semplici situazioni per tradurle in termini matematici,
  • di riconoscere schemi ricorrenti stabilendo analogie con modelli noti,
  • di scegliere le azioni da compiere concatenandole in modo appropriato per arrivare alla soluzione di un semplice problema.

Argomenti oggetto della prova

Gli argomenti e, ancora di più, le competenze necessarie, fanno riferimento alle Indicazioni nazionali per il curriculo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo di istruzione. In particolare si fa riferimento agli Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola secondaria di primo grado per la matematica, che nel documento citato si trovano a pagina 52.

Per comodità del lettore riassumiamo nel seguito gli argomenti legati agli obiettivi citati.

  • Numeri
    • Numeri interi, razionali e reali, proprietà delle frazioni (anche applicati a situazioni reali),
    • Multipli e sottomultipli, massimo comun divisore e minimo comune multiplo
    • La retta reale e l’ordinamento (anche applicato a situazioni reali)
    • Proporzioni, anche applicate a situazioni reali, formule inverse, percentuali (soprattutto applicate a situazioni reali)
  • Geometria del piano cartesiano
    • Segmenti, punti e punto medio
    • Rette (perpendicolari e parallele)
  • Grafici, dati e previsioni (anche applicati a un problema reale)
    • Lettura di un grafico
    • Individuazione delle coordinate dei punti (note le ascisse e le ordinate leggere il valore, noto il valore e una delle due coordinate determinare l’altra)
    • Pendenza di un segmento su un grafico
    • Massimi e minimi su un grafico
    • Riconoscere una relazione tra serie di dati in tabella e la loro rappresentazione su un grafico e viceversa
  • Geometria euclidea
    • Figure geometriche: riconoscere una figura e le proprietà di una figura
    • Aree e lunghezze misurate su figure composte
  • Semplici problemi di matematica applicata a situazioni reali
    • Linguaggio formale della matematica
    • Applicazioni di formule date
    • Descrivere con un’espressione numerica la soluzione di un problema

Quattro passi in centro: Matematica per non matematici

Per informazioni: pi.day@liceograssilatina.org
Per motivi organizzativi è gradita una conferma della presenza.

Caffè Ipazia, liceo scientifico G.B. Grassi
Via Padre Sant’Agostino, 8 – Latina
venerdì 3 maggio, ore 18.00

Venerdì 3 maggio prossimo il liceo G.B. Grassi di Latina organizza un incontro o meglio, un laboratorio, un esperimento, un’officina di idee: due ore di sana matematica insieme. Un appuntamento per chi è interessato alla matematica e non l’ha fatta o l’ha lasciata troppo presto, per chi vuol sapere cosa fa un matematico, per chi non ha paura di mettersi in gioco. Insieme!

Non è una conferenza né un convegno ma piuttosto un’officina, un atelier, una bottega, in cui sperimentare, affrontare problemi, cercare soluzioni e confrontarle con gli altri. L’idea è quella di fare matematica insieme, di sporcarsi le mani con carta e penna (e magari con la calcolatrice) in compagnia di persone magari non esperte ma curiose e coraggiose.

L’incontro è aperto a tutti, soprattutto a chi non ha competenze specifiche. I partecipanti lavoreranno insieme, a piccoli gruppi, confrontandosi con gli altri team e con i docenti della scuola. L’obiettivo? Risolvere un problema, un bel problema, magari inventando la matematica necessaria alla soluzione lungo la strada.

Non abbiate paura, potreste scoprire un mondo nuovo o, almeno, guardare il mondo da un nuovo punto di vista, mai sperimentato prima.


La locandina che descrive l’evento.

Di cosa parleremo?

Sarebbe meglio dire … con cosa avremo a che fare? … Di grafi, cammini, percorsi. Di ottimizzazione. Della ricerca di vie brevi ed economiche. E anche se non avete mai sentito nemmeno una di queste parole, venite! Anzi, proprio se non ne avete sentito mai parlare: questo incontro è soprattutto per voi.

Cerchiamo persone forse non esperte ma curiose e coraggiose!

Dinamica delle popolazioni

Nell’ambito del ciclo di conferenze: I confini della ricerca scientifica organizzato dall’associazione Mathesis, si svolgerà nell’aula magna del Liceo Scientifico G.B.Grassi, la conferenza Dinamica delle popolazoni: un rapporto simbiotico tra matematica e biologia, a cura del professor Eugenio Montefusco, docente di Analisi matematica presso l’Università degli studi la Sapienza di Roma.

L’invito alla partecipazione è aperto a tutti e particolarmente agli studenti delle classi terminali. Nella conferenza verrà mostrato come i modelli matematici, costituiscano un fondamentale contributo nello studio di altre discipline, nello specifico della biologia.

Pi-Day 2019: che bellezza!

14 marzo, alle 15.00 (3/14 15): festa per pi greco anche quest’anno. Un centinaio di studenti del grassi con alcuni insegnanti di matematica della scuola, insieme per celebrare questo strano e affascinante numero trascendente. Invitate speciali, e particolarmente gradite, alcune colleghe di altre discipline, giustamente curiose.

È andata particolarmente bene: un Pi-Day così non si vedeva da qualche anno. Nell’aria entusiasmo e divertimento da subito, ancora prima di iniziare. E poi il piacere di manipolare la matematica, di avere a che fare con i numeri e le formule, per una volta visti non come nemici ma come giocattoli, come curiosità. Tre ore intense ma appaganti, viene voglia di farlo ancora!

Quest’anno, in particolare, abbiamo pensato a due novità. Innanzitutto il pendolo: il periodo di oscillazione dipende sostanzialmente dalla radice quadrata della lunghezza del filo che sorregge la massa oscillante ma la formula contiene anche pi greco, per cui, misurando (più e più volte, per cercare di ridurre l’errore) il periodo di oscillazione, si può determinare un’approssimazione di pi greco per via indiretta. Dopo qualche tentativo ecco una buona approssimazione: 3.1409, due cifre decimali corrette.

Seconda innovazione: la formula di Eulero (una delle tante formule del tipo Machin), assolutamente più efficaci per cercare un’approssimazione di pi greco, infatti, dopo pochi tentativi abbiamo ottenuto 3.1415926. Ben sette cifre decimali! Si tratta di un laboratorio un po’ meno laboratorio degli altri, infatti qui non si misura una grandezza fisica reale (il tempo di oscillazione, la lunghezza di un fiume) né una probabilità (che un ago tocchi o meno una linea, che un sassolino caschi oppure no entro una fontana) ma si sfruttano particolari proprietà di alcune figure geometriche e qualche metodo matematico per ottenere una successione di numeri che via via, calcolatrice alla mano, si avvicinano al nostro famigerato pi greco.

Pi-Day 2019

Pi-Day 2019

Il 14 di marzo – 3/14 come scriverebbero gli anglosassoni – torna la giornata dedicata a pi greco, il Pi-Day! E quindi, giovedì prossimo (il 14 di marzo), dalle 14.30 alle 17.30 studenti e docenti della scuola saranno impegnati nelle attività più diverse alla ricerca di un’approssimazione quanto più precisa possibile di pi greco.

Se poi teniamo conto anche dell’orario, alle 15 precise di giovedì avremo un’approssimazione ancora migliore perchè il 3/14 alle 15 potremo scrivere 3.1415, dove 1415 sono le prime quattro cifre decimali di pi greco!

Ricordiamo che pi greco è il rapporto tra la lunghezza di una circonferenza e il suo diametro.

Le celebrazioni, in parte goliardiche, dedicate a questo numero ma in realtà alla matematica nel suo complesso, sono un’idea di Larry Shaw, matematico statunitense, che nel 1988 ebbe per primo, l’idea di festeggiare il compleanno di pi greco. Da allora questa festa è diventata un po’ una tradizione e diversi istituti, università, scuole e centri di ricerca nel mondo programmano diverse attività e laboratori incentrati tutte e tutti su questo numero trascendente.

In una festa di compleanno non può mancare la torta!
In una festa di compleanno non può mancare la torta!

Un numero trascendente è un numero che non è soluzione di nessuna equazione a coefficienti interi o razionali.

Questa particolarità fa sì che pi greco, come altri numeri trascendenti o irrazionali, abbia strane e curiose proprietà. Alcune davvero sorprendenti e inaspettate! Per scoprirle non dovete far altro che passare a scuola il pomeriggio del prossimo giovedì: il 3/14!

Uno dei laboratori del Pi-Day. Si cerca di approssimare pi greco usando la sua definizione (il rapporto tra circonferenza e diamtro) in modo per così dire sperimentale, costruendo un cerchio di gemme di vetro!
Uno dei laboratori del Pi-Day. Si cerca di approssimare pi greco usando la sua definizione (il rapporto tra circonferenza e diamtro) in modo per così dire sperimentale, costruendo un cerchio di gemme di vetro!

Iscrizione liceo sportivo e liceo matematico: aggiornamento

Liceo sportivo

La documentazione da allegare alla domanda di iscrizione al liceo sportivo (vedi Criteri per l’ammissione al liceo sportivo) può essere consegnata in segreteria didattica entro lunedì 25.02.19 prossimo.

Per informazioni ci si può rivolgere al referente per il liceo sportivo, professor Francesco Truppa (ricordiamo che ogni dipendente della scuola, ma anche studenti e studentesse, hanno un indirizzo di posta elettronica del tipo nome.cognome@liceograssilatina.org).

Liceo matematico

Si chiede cortesemente alle famiglie di ragazze e ragazzi che hanno intenzione di chiedere l’iscrizione al liceo matematico di consegnare il modulo Opzione liceo matematico (che si può scaricare direttamente da qui o dalla pagina Modulistica) in segreteria didattica nelle stesse date indicate sopra: da oggi 04.02.19 a giovedì 25.02.19 prossimo. Ci scusiamo per il disagio.

Un fine settimana di gioco e scienza

48 ore tra l’Area di ricerca di Tor Vergata e il Premio Archimede a Venezia

L’introduzione dell’alternanza scuola-lavoro anche nei licei ha provocato, negli ultimi anni, reazioni contrastanti e contrastate. Ma le attività della 3°E (ora 4°E), definite con il progetto RiA – Research in Action, hanno sicuramente interessato, formato e divertito le ragazze e i ragazzi che ne hanno fatto parte.

La prima parte del percorso di alternanza scuola-lavoro per l’attuale classe 4°E si è concluso in questi giorni con la partecipazione alla Notte europea della ricerca a Roma e con la premiazione del concorso Fotonica in gioco a Venezia. Un vero tour de force di 48 ore con treni Freccia Rossa e Intercity Notte spostandosi tra l’Area di Ricerca di Tor Vergata e la laguna veneta!

Fotonica in gioco

Premiazione Galaxia

Ragazze e ragazzi della 4°E ricevono il premio Fotonica in gioco

Di questo concorso, bandito dall’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie di Roma (CNR-IFN) abbiamo già parlato in un altro post in questo stesso sito. Uno dei giochi progettati e realizzati nello scorso anno, Galaxia, ha vinto il premio. La cerimonia di premiazione si è svolta nella sala San Leonardo a Venezia, nell’ambito del Premio Archimede sabato 29 settembre scorso.

Il premio è stato consegnato ad alunne e alunni della classe dalla direttrice dell’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie Roberta Ramponi. Galaxia è un gioco da tavolo che ha l’ambizione di illustrare la formazione di stelle e pianeti in una nebulosa planetaria senza perdere le caratteristiche proprie del gioco: competizione, semplicità, divertimento.

La Notte della scienza

Notte europea della ricerca: la ludoteca della scienza

La ludoteca della scienza alla Notte europea della ricerca

Venerdì 28 settembre invece, la notte prima della partenza per Venezia, le studentesse e gli studenti sono stati tra gli attori della Notte europea della scienza organizzando e animando, con la freschezza che li contraddistingue, la Ludoteca della scienza all’interno del Padiglione della scienza a Tor Vergata: I nostri eroi ricercatori.

I nostri studenti, infatti, hanno aiutato i visitatori di ogni età a vestire i panni di un ricercatore per esplorare l’infinito panorama della fisica, governare le immani forze che si sprigionano in una nebulosa planetaria allo scopo di creare stelle e pianeti, combattere a Notte europea della ricerca: Photosintesyscolpi di fotoni virtuali nel tentativo di aggregare atomi nel vuoto del microcosmo, far germogliare e crescere alberi in una foresta . Tutto questo, e altro ancora, comodamente seduti davanti a un gioco da tavolo!

Ragazze e ragazzi del liceo, infatti, non hanno partecipato come visitatori ma come veri e propri ricercatori (in erba), impegnandosi per divulgare alcuni basilari concetti della fisica e delle scienze in modo un po’ sbarazzino ma efficace e rigoroso.

 

 

1 2