YoungG7, il G7 delle scuole

A cura della professoressa Cinzia Gravina.

Terza scuola migliore d’Italia e terzo miglior progetto. Il nostro Liceo ha ricevuto dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca un’ottima valutazione, nell’ambito di YounG7, una simulazione delle sedute del G7. L’iniziativa si è svolta a Catania dal 22 al 25 maggio promossa ed inaugurata dalla Ministra stessa. Gli studenti intervenuti sono stati 150, provenienti da 32 scuole di tutta Italia selezionate tra le 116 candidature presentate.

Le studentesse e gli studenti prescelti hanno avuto il compito di offrire il punto di vista delle nuove generazioni sui temi affrontati nelle otto commissioni: Management of Human Mobility, Prevention of Terrorism, Food Security and Nutrition, Women and Girls Economic Empowerment, Energy and Climate Change, Education, Future of Work and of Welfare system.

Durante il model, gli studenti hanno approfondito e si sono confrontati sui temi oggetto dell’agenda indossando i panni delle delegazioni di rappresentanza dei paesi partecipanti (Canada, Stati Uniti, Francia, Italia, Regno Unito, Germania e Giappone, e inoltre la Commissione dell’UE e il Consiglio dell&’UE). Nel rivestire questo ruolo i delegati hanno svolto le attività tipiche della diplomazia: tenuto discorsi, negoziato e approvato una dichiarazione finale strutturata sul modello di quella che è stata varata dai leader mondiali. Tutti i lavori si sono svolti adottando le regole di procedura standard proprie del dibattito formale in lingua inglese. Le dichiarazioni finali sono state sottoposte al giudizio di un gruppo di esperti del MIUR e di United Network, associazione che ha curato la realizzazione dell’evento. I quattro delegati del Grassi che hanno partecipato, con entusiasmo e senso di responsabilità, sono stati: Sarojdeep Kaur (4°G), Matteo Pandolfi (4°I), Francesco Pappone (4°A) e Gaia Reali (4°I).

La conquista del podio consentirà ai nostri studenti di partecipare al Campus dell’Innovazione e della Tecnologia che si svolgerà a Milano nel prossimo luglio, e alla nostra scuola di diventare scuola polo per l’organizzazione di un evento simile nella nostra città, nel prossimo autunno in linea con i model IMUN e GCMUN attuati nel corrente anno scolastico.

Lasciatevi incantare: l’Islam e l’Andalusia

A cura delle professoresse Sabrina Gallucci, Filomena Monaco e Antonella Stirpe

Lasciatevi incantare: il blog.

Desideriamo ringraziare i 15 docenti e gli 80 alunni delle classi prime e seconde che hanno collaborato alla riuscita dello spettacolo finale. L’ obiettivo didattico del progetto è stato quello di stimolare la curiosità e la creatività dei discenti attraverso un percorso interdisciplinare che è stato declinato in diverse attività: drammatizzazione, interpretazione di testi letti,approfondimenti di geometria, di arte, di costume e di fondamenti di geomorfologia, il tutto intervallato da momenti coreutici (Flamenco e danze arabe) e canori.

Un’avventura straordinaria e travolgente, in cui ciascuno ha profuso energie, vitalità ed entusiasmo, sapendo creare un team di lavoro ed una sinergia unici. La visita d’istruzione che si svolgerà dal 25 al 29 maggio p.v. sarà il momento conclusivo della concretizzazione di quanto è stato studiato.

Per aspera sic itur ad astra!

Lo spettacolo è stato presentato venerdì 12 maggio 2017, nell’aula magna del nostro liceo alle ore 18.30.

RiA (research in Action) – il workshop

Il 25 maggio prossimo (dalle 15.00 alle 17.00), nell’aula magna del liceo scientifico G.B. Grassi la classe 4°E presenterà i risultati dell’attività di alternanza scuola-lavoro di questo anno scolastico.
In particolare saranno presentati in un workshop i problemi sperimentali affrontati (dinamica delle popolazioni, rendimento elica libera, onde gravitazionali, diffrazione di un raggio laser) e i relativi laboratori realizzati che da quel giorno saranno disponibili sia sul blog dell’insegnante – Ria-Grassi – che sul blog realizzato dagli studenti – Ria Explorer.
Il workshop è aperto a tutti gli interessati, in particolare agli studenti e agli insegnanti (di matematica ma non solo)!
Oltre alla dirigente scolastica del liceo, Giovanna Bellardini, parteciperanno i tutor esterni Donato Bini (CNR-IAC), Fabio Chiarello (CNR-IFN), Marina Landolfi e Andrea Mancini (CNR-INSEAN), la responsabile della sede romana dell’Istituto di Fotonica e Nanotecnologie Maria Gabriella Castellano e il direttore dell’Istituto per l’Automazione del Calcolo Roberto Natalini. Seguendo questo collegamento è possibile scaricare la locandina.

RiA – Research in Action

La parola ria in inglese significa estuario, in particolare (dalla definizione che ne da l’Oxford Living Dictonaries):

A long, narrow inlet formed by the partial submergence of a river valley … the rias or estuaries contain very peculiar ecosystems which often contain important ampunts of fish … (a causa della loro natura, le rias o estuari contengono ecosistemi molto particolari che spesso contengono grandi quantità di pesce – www.eurotomic.com/spain/the-rias-altas-in-spain.php).

quindi questo prodotto che sarà realizzato grazie all’attività di alternanza scuola-lavoro sarà un luogo virtuale da esplorare dove pescare molto materiale per la didattica laboratoriale.

Le attività

Per questo anno scolastico (2016-2017) il consiglio della classe 4°E del liceo scientifico G.B. Grassi ha organizzato una serie di attività in collaborazione con alcuni istituti del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR). Per la precisione, sono partner della scuola in questa attività:

In breve, si tratta di costruire un laboratorio di matematica applicata a un problema vero! Un problema abbastanza difficile da far sì che la soluzione sia gratificante per gli studenti ma adeguato alle loro competenze nella classe attuale. Per meglio chiarire questo punto (e gli atteggiamenti da promuovere negli studenti) si può leggere Progetto per un laboratorio di matematica.
In pratica: ogni istituto ha proposto agli studenti un problema, un’attività, un laboratorio, che in qualche modo provenga dal lavoro quotidiano dei ricercatori che lavora nell’istituto stesso. Per esempio, l’INSEAN ha fornito i dati ricavati da una prova di elica isolata (Open Water Test) e chiede ai ragazzi di lavorare su questi dati fornendo a un ipotetico committente dell’esperimento un analisi numerica che, tra le altre cose, dovrebbe fornire il  massimo rendimento dell’elica (in funzione del numero di giri) e/o un intervallo per cui il rendimento dell’elica è superiore a una certa soglia data.
Una volta risolto il problema, la strategia e il percorso sono esaminati discussi con la persona dell’istituto che segue il progetto e, una volta accertata la correttezza della proposta e dei risultati, si realizza un fascicolo che permetta ad altri alunni e insegnanti della stessa o di altre scuole di ripercorrere la stessa strada realizzando, a modo loro, lo stesso laboratorio. I fascicoli e altro materiale utile al laboratorio saranno infine pubblicati online e messi a disposizione di chiunque fosse interessato. Gratuitamente. Continua a leggere …

Torna la ludoteca della scienza

Dopo il discreto successo della Ludoteca di Natale, una nuova collaborazione tra l’associazione Lu(ri)doteca, liceo scientifico G.B. Grassi e CNR-IFN: la ludoteca della scienza ma non solo.
La ludoteca è inserita tra le proposte della manifestazione Lievito, organizzata da Rinascita civile, a Latina, dal 22 aprile al primo maggio: nove giorni di eventi culturali e, ora, anche ludici!
Infatti c’è di nuovo la possibilità di giocare a Latina, un’intera giornata di gioco nella sala di Palazzo M. Una ludoteca aperta a tutti per provare alcuni tra i migliori giochi da tavolo: Coloni di Catan, Rush&Bash, Carcassonne, Stone Age, …

I ragazzi della 4°E del liceo scientifico G.B. Grassi, coadiuvati da Fabio Chiarello (ideatore e organizzatore del concorso Fotonica in gioco) guideranno i partecipanti nel gioco con il duplice scopo del divertimento e dell’esperienza di scienza attraverso Quantum Race, Pandemia, Lampo di Genio, Alta tensione e altro ancora!

Il viaggio di Alice

Alice’s journey

A cura della professoressa Giulia Di Napoli.

Domenica 9 aprile, 18.30.

Alice è in viaggio alla ricerca della propria identità e la curiosità sarà la spinta che la porterà ad avventurarsi in situazioni talvolta  rischiose.

Nella nostra storia Alice, una ragazza di 16 anni, incontra vari personaggi. La barbona che vive su una panchina, utilizzando un linguaggio apparentemente insensato, riflette sulla realtà degradata del nostro ambiente e ci sfida a trovare soluzioni. Lo scienziato matto parla del tempo e dell’inutile tentativo di controllarlo. Il tossico per paura di affrontare la vita cerca una risposta artificiale al proprio disagio e sofferenza.

Continuando il suo viaggio Alice è testimone di amori violenti, di dipendenze patologiche dal gioco, di accoglienza e rifiuto dell’altro, del diverso, del fragile e decide, alla fine, di affrontare la realtà in modo libero e indipendente, senza pregiudizi.

Grassi in finale

Si sono svolte sabato ad Ostia le fasi regionali del Trofeo scacchi scuole che ha assegnato le qualificazioni per la fase finale a Montesilvano dal 4 al 7 maggio. Tre le squadre del liceo Grassi impegnate. Nella categoria Allievi la pur forte squadra composta da Andrea Federici, Mario Picca, Alessandro D’Achille e Lorenzo Natali paga un po’ l’inesperienza dei ragazzi del primo anno e conclude fuori dal podio. Molto meglio si sono concluse le gare per gli juniores.

Scontato il secondo posto e la qualificazione per le ragazze del Grassi guidate da Giorgia Mancino e Silvia Pizzicaroli, che con Silvia Muhametaj e le new entry Alessandra Bastianini e Aurora  Cutinelli nel torneo misto con i maschi fanno buon viso a cattivo gioco ma con la sicurezza del passaggio alla fase nazionale. Stupiscono invece i giocatori della maschile (Daniele Mercuri, Francesco Beltrani – allievo da pochi mesi  al Grassi, Marco Panetti, Riccardo Catania e Francesco Pappone) che con 4 vittorie nette su 5 incontri conquistano un eccellente secondo posto e con esso la finale.

Molto soddisfatto il loro tecnico Maurizio Vaccaro per le scelte fatte e per il gioco espresso. (qui potete trovare la classifica)

Finisce così con 4 squadre qualificate la fase regionale del Lazio: arrivederci al Nazionale anche per il Grassi!

Il liceo grassi alla maratona di Roma

In occasione della maratona dì Roma del 2 aprirle il Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca ha inteso coinvolgere le studentesse e gli studenti delle istituzioni scolastiche di secondo grado in una maratona progettuale innovativa (HACHATHON) con l’obiettivo di immaginare nuovi processi, prodotti e servizi innovativi sullo sport e i corretti stili di vita. Lo scopo dì questa partecipazione è stato quello dì valorizzare lo sport come elemento centrale della qualità della vita degli studenti, come mezzo per accorciare le distanze tra culture e come momento di condivisione di storie e valori.

La manifestazione si è svolta a Roma, Palazzo dei congressi il 30 e il 31 marzo, e ha visto la partecipazione dì istituzioni scolastiche ad indirizzo sportivo della Regione Lazio, in particolare 12 studenti (6 ragazzi e 6 ragazze) frequentanti il terzo e il quarto anno. Referente dell’iniziativa è stato il prof. Truppa, mentre il docente accompagnatore è stato il prof.Onnelli.

I ragazzi suddivisi in gruppi di lavori misti hanno prodotto dei lavori che hanno riguardato il mondo dello sport,dell’innovazione e dell’inclusione sociale. I nostri alunni e le nostre alunne si sono distinti nella partecipazione e quattro di loro sono stati tra i tre gruppi dei vincitori che li porterà a Losanna in estate per continuare questo lavoro con altre scuole ed altri ragazzi.

Bravi e compimenti a tutti.

Riaccendiamo le stelle

Il planetario del liceo

Latina si mobilita per contrastare l’inquinamento luminoso

A cura di Carlo Capodilupo, Roberta Giorgi, Rita Macrì.

M’illumino di Meno, l’iniziativa nazionale promossa da Caterpillar mirata al risparmio energetico e alla riduzione dell’inquinamento luminoso, è stata celebrata a Latina il 23 e il 24 febbraio sotto l’egida del Comune di Latina e dell’Associazione Pontina d’Astronomia (APA-lan).

Il convegno in aula magnaLe attività sono iniziate Giovedì 23 febbraio con il corso inquinamento luminoso e risparmio energetico: L.R. 23/2000 e Reg.Att. 08/2005 dedicato all’aggiornamento e sensibilizzazione dei tecnici comunali nonché della Polizia Municipale. Il Sindaco di Latina Dott. Damiano Coletta e l’Assessore all’Ambiente Roberto Lessio hanno dimostrato la spiccata sensibilità alle problematiche ambientali della nuova Amministrazione Comunale. Il presidente dell’Unione Astrofili Italiani avv. Mario Di Sora ha tenuto una Lectio Magistralis sull’inquinamento luminoso che ha coinvolto e certamente convinto tutto l’uditorio ad affermare che: l’inquinamento luminoso è un inquinamento come tutti gli altri, in quanto tale va limitato e contrastato. Il Comune di Latina effettuerà a breve il passaggio dalliilluminazione al sodio all’illuminazione a LED tenendo conto di tutte le prescrizioni tecniche presenti nella normativa regionale che è stata ampiamente spiegata, in questa occasione, dall’ing. Alessandra Cappelli in rappresentanza dell’ARPA Lazio. L’incontro si è concluso con una prova di grande collaborazione tra la Polizia Municipale e le associazioni di astrofili. Infatti, il protocollo d’intesa firmato tra il Comando di Polizia Locale del Comune di Frosinone e l’Osservatorio Astronomico di Campo Catino ha permesso di effettuare centinaia di controlli sul territorio ciociaro, quindi di limitare e contrastare in modo efficace l’utilizzo di impianti di illuminazione esterna non a norma. Si spera che anche comuni limitrofi, nonché proprio il Comune di Latina, possa prendere questo esempio positivo e riproporlo anche sul proprio territorio.
L’intensa giornata del 24 febbraio ha avuto inizio la mattina all’interno del liceo scientifico G.B. Grassi con la partecipazione attiva degli studenti che hanno sensibilizzato sull’argomento coetanei di altre scuole, partecipanti al progetto Eco-Schools, attraverso conferenze e spettacoli al planetario Livio Gratton; studenti del liceo Grassi che nel corso dell’anno hanno preso parte al progetto di Alternanza Scuola-Lavoro … indi uscimmo a riveder le stelle … supervisionato dall’APA-lan.

Dalle ore 9 alle ore 13 le scuole hanno seguito dei veri e propri percorsi che prevedevano come prima tappa uno spettacolo dimostrativo al planetario per far apprezzare la bellezza di un cielo pulito e non inquinato dall’uomo.  Terminato il tour stellare nel planetario l’argomento è stato poi approfondito nel corso delle conferenze in aula magna. Le condizioni meteo non ottimali hanno purtroppo impedito l’uso dei telescopi, comunque presenti, per l’osservazione del Sole e della bellissima fase di Venere.

M’illumino di Meno è stato un successo sotto ogni punto di vista ponendo l’accento su un problema tanto trascurato quanto importante, coinvolgendo l’interesse degli studenti a tal punto da vederli scendere la sera nella piazza principale di Latina a seguito di uno spegnimento simbolico delle sue principali luci. Nonostante il cattivo tempo, gli studenti del ITC Vittorio Veneto-Salvemini e del Liceo Artistico hanno intrattenuto la folla, tra cui anche il Sindaco ed altre autorità locali, con un breve ma intenso flashmob. Presenza importante e constante, in tutte le attività presentate, quella dell’ing. Luciana D’Ascanio, Energy Manager del Comune di Latina, ideatrice e forte sostenitrice dell’iniziativa sin dalla sua nascita.

Attività, quindi, che ha visto la partecipazione di bambini, studenti ed enti comunali. Uno scambio di idee e conoscenze che ha contribuito senza dubbio al successo di questa giornata, dimostrando ancora una volta che il cambiamento avviene dove c’è cultura e quando questo coinvolge tutti.

Il domino di latino

A cura della professoressa Sabrina Gallucci.

Anche quest’anno,il 16/03/17 si è svolto Il domino di Latino, un gioco in lingua latina, che ha coinvolto 11 classi del primo anno. Vincitori ex aequo sono stati gli alunni della classe 1°F (squadra  Girls+Simon: Atrei Angelica, Rinaldi Benedetta, Vilardi Deborah, Bonelli Simone) e della 1°L (squadra I.F.R.: Ilardi Federico, Falconio Dennis, Riccio Anna Carolina); secondi classificati gli alunni della classe 1°B: (squadra Hic sunt leones: Marchetti Elena, Russo Alice, Scaccia Claudio, Marchiotto Andrea); terzi classificati gli alunni della classe 1°D (squadra Giacche: Poli Matte, Proia Beatrice, Balassone Bianca).

Proporre lo studio del lessico latino sotto forma di gioco è un’idea che è venuta pensando a come stimolare ed interessare gli alunni ad una lingua che essi associano alla brutta metafora di lingua morta,a qualcosa di avulso  e lontano dal loro mondo. L’aura del Latino oggi sembra dissolta, perchè, per gli adolescenti di oggi, sembra contare solo il mondo della tecnologia, mentre è importante far capire loro che studiare il latino significa dialogare con una civiltà che non è mai terminata, di cui facciamo parte, senza rendercene conto, e che sotto il giardino della lingua quotidiana c’è il tappeto delle radici antiche (Viva il latino, Nicola Gardini). L’entusiasmo e la capacità di ogni studente di sapersi mettere in gioco, contribuendo al successo della squadra, hanno saputo trasformare questa iniziativa in uno spazio felice. Ringrazio tutti gli alunni che hanno partecipato e, in particolare, i docenti di latino che hanno aderito a questa attività.

1 10 11 12 13 14